Something went wrong.

We've been notified of this error.

Need help? Check out our Help Centre.

Augmented Rome 

Eng. below

 

2018

 

“Augmented Rome” è un’ode a Roma, ad una città in trasformazione, alle sue contraddizioni, alla sua bellezza invadente. Una Roma aumentata, amplificata, che si svela nell’invisibile, nello spazio “vuoto” occupato dalle onde sonore.

Ascoltare Roma è rendersi conto di essere sopraffatti da una bulimia acustica invalidante, che mette in crisi il concetto di silenzio e rende il limite tra armonia ed inquinamento acustico molto labile.

Nove luoghi di interesse culturale, sei mesi di registrazioni, per raccontare una città attraverso le immagini generate dall’effetto che le vibrazioni sonore, che la attraversano, producono su un liquido e fare di queste il punto di partenza per rappresentare quello che di lei non si può vedere. Mettere da parte il visibile, cancellarlo, per poi ricostruirlo in una realtà aumentata, controfigura della nostra, semplificata ma amplificata nella percezione, nella quale l’invisibile diviene materia e poi rappresentazione.

 

“Augmented Rome” is an ode to Rome, to a changing city, to her contradictions, to her inappropriate beauty. An augmented, amplified Rome, which reveals herself through the Invisible, through the “empty” space occupied by sound waves. Listening to Rome is realising of being overwhelmed by a disabling acoustic bulimia, that causes distress to the concept of Silence and makes unstable the boundaries between harmony and noise pollution.

Nine places of cultural interest, six months of recordings, to paint the picture of a city, through the images generated by the physical contact between the acoustic vibrations and a liquid, and using them as the starting point to represent what it’s hidden under the visible surface of Rome.

“Augmented Rome” shelves and erases the visible, to rebuild it in an augmented reality, which is our reality double, simplified in the form but amplified in the perception, where the Invisible becomes matter and then representation.

 

Please wear your headphones.

Using Format